Cantiere Mantova - Kiloutou

Il noleggio Kiloutou impegnato in un’opera di bonifica a Mantova

Pubblicato su
Cantiere Mantova - Kiloutou

Mantova il sito di interesse nazionale di bonifica denominato Laghi di Mantova e Polo Chimico si sviluppa su tre chilometri quadrati e mezzo: più o meno la superficie del centro storico cittadino. A partire dal 1957su quel polo industriale collocato a poca distanza dai due laghi mantovani Mezzo e Inferiore e dal centro città, furono avviati quattro cicli produttivi integrati: cracking, cloro-soda, stirenici, intermedi per fibre e per detergenza. Oggi, dopo oltre 60 anni, è arrivato il momento di bonificare le diverse aree; tra queste quella denominata Cratere, posta all’interno della più ampia zona Collina. Qui il progetto di bonifica del sito prevede lavori di scavo e smaltimento di materiali contaminati da idrocarburi, composti aromatici e mercurio. Su una parte dei 19 ettari dell’area, sta lavorando Ambienthesis, società specializzata in attività di bonifica e risanamento ambientale; vi collaborano l’impresa di costruzioni Marini Ermenegildo e la società di progettazione Pro Iter – Progetto Infrastrutture Territorio.

Rimuovere circa 100 mila metri cubi di materiale inquinato

L’area Cratere in origine era una vecchia cava di stabilimento, riempita di scarti di lavorazioni industriali. Questi vengono estratti e analizzati da Ambienthesis, per poi conferirli agli impianti autorizzati e ripristinare l’area nelle condizioni precedenti. Si tratta di depositi di natura idrocarburica, in combinazione con alcuni metalli, frutto di scarti di lavorazione. In totale, circa 100mila metri cubi di materiale inquinato. Data la profondità e le difficili condizioni ambientali in cui si opera, la superficie del lotto è stata organizzata e suddivisa in 57 celle di 15×15 metri. Una sorta di grande scacchiera confinata con il sistema Combiwall: un’alternanza di elementi tubolari in acciaio e palancole, infissi nel suolo a una profondità variabile tra i 13,50 e 18,50 metri. Una scacchiera che cella dopo cella viene svuotata e, dopo il collaudo da parte di Arpa, riempita di terreno pulito.

Per sicurezza due escavatori vengono comandati in remoto

Per rendere possibile la rimozione dei materiali, evitando le emissioni in atmosfera, è stata allestita una tendostruttura reticolare di 20 metri per 15 dove l’aria viene ricambiata quattro volte all’ora e trattata da un impianto di filtrazione a carboni attivi. Si procede tre celle alla volta e man mano che si avanza la tendostruttura viene spostata sulle celle successive. Per garantire la massima sicurezza e la minima esposizione del personale, all’interno dello spazio confinato lavorano due escavatori comandati da remoto e dotati di sensori di esplosività, allo scopo di prevenire il rischio in presenza di benzene. Non conoscendo la consistenza dei materiali di scavo, questo lento e sistematico lavoro richiederà 5 anni.

Macchine kiloutou per montare le tendostrutture

Le tendostrutture sono state montate in due fasi: la prima la scorsa estate, la seconda tra febbraio e marzo di quest’anno. Per il montaggio degli elementi verticali e delle arcate dei capannoni sono stati utilizzati una piattaforma articolata JLG 520AJ e un sollevatore telescopico Merlo Roto 45.21 MCSS con gancio e forche, entrambi a quattro ruote motrici viste le condizioni del terreno. Per i fissaggi in quota di canaline e telecamere e per l’allestimento dei teli di copertura, invece, sono state impiegate due piattaforme Haulotte: l’articolata HA 18SPX e la verticale Compact 12 DX. Ad affiancarle nel lavoro sono state una gru cingolata Liebherr e un sollevatore telescopico Manitou.

Cantiere Mantova - Kiloutou

A proposito di Kiloutou

Il Gruppo Kiloutou, quarta azienda del settore noleggio in Europa e maggiore player nel noleggio di attrezzi in Francia, fornisce soluzioni di prodotti e servizi a una clientela molto diversificata: importanti clienti nazionali, aziende di costruzione, artigiani, comunità e amministrazioni, industrie, servizi e PMI. Il Gruppo Kiloutou dispone di un’offerta tra le più complete del mercato con circa 1000 referenze e più di 250.000 materiali in vari settori: attrezzatura per il sollevamento del personale, movimento terra e costruzione, lavori strutturali e di rifinitura, veicoli commerciali ed eventi. Con un fatturato di 606 milioni di euro nel 2017 e una forza lavoro di 6000 persone in Europa, Kiloutou continua il suo sviluppo e ora presenta una rete di 440 agenzie in Francia, incluse 50 specializzate in edilizia e 30 situate nel centro città. La rete ha anche 30 filiali in Polonia, 19 in Spagna, 3 in Germania e 20 in Italia.

Potresti essere interessato a

MACCHINE E ATTREZZATURE: MEGLIO L’ACQUISTO O IL NOLEGGIO?

I lavori di costruzione e manutenzione di ogni genere, le demolizioni o la manutenzione del territorio, richiedono macchine e attrezzature […]

Leggi di più
Pubblicato su

Formazione Kiloutou-Elevo: lavoriamo per una cultura della sicurezza

Nel parlare di sicurezza in cantiere non si può prescindere dall’affrontare il tema della formazione; un tema di drammatica urgenza di fronte […]

Leggi di più
Pubblicato su

La piattaforma articolata 1250 AJP di Kiloutou nel cuore del nuovo ospedale di Montecchio Arzignano

A Montecchio Maggiore (VI) è in corso la costruzione del nuovo Ospedale di Montecchio-Arzignano, la cui prima fase, iniziata nel […]

Leggi di più
Pubblicato su

COME OTTENERE LE MIGLIORI PRESTAZIONI DALLE MACCHINE MOVIMENTO TERRA

Le operazioni di movimento terra sono una delle voci più importanti nel budget di qualsiasi opera e influenzano il processo di pianificazione […]

Leggi di più
Pubblicato su

NOLEGGIO PIATTAFORME TELESCOPICHE: QUALI SONO I VANTAGGI?

Dotate di un braccio di estensione diritto, le piattaforme telescopiche semplificano notevolmente il lavoro in cantiere. Elevata altezza di lavoro, […]

Leggi di più
Pubblicato su

SOLLEVATORI TELESCOPICI FRONTALI O ROTATIVI?

Adattabili a tutti i tipi di terreni i sollevatori telescopici frontali e rotativi hanno in comune la capacità di sollevare […]

Leggi di più
Pubblicato su